GABRIELE E DOMENICO PECILE - prorichinvelda

Vai ai contenuti

Menu principale:

GABRIELE E DOMENICO PECILE

Pubblicazioni
GABRIELE LUIGI PECILE
E DOMENICO PECILE
Agricoltura e sviluppo socio-economico nel territorio
tra fine Ottocento e primo Novecento

La pubblicazione raccoglie gli atti del Convegno“Gabriele Luigi Pecile e Domenico Pecile. Agricoltura e sviluppo socio-economico nel territorio tra fine Ottocento e primo Novecento” tenutosi il 10 giugno 2018 nell’Auditorium comunale di San Giorgio della Richinvelda.
Il convegno si inseriva nel programma di attività della Pro Loco che ritiene doveroso far conoscere la storia della comunità e, ricordare Gabriele Luigi Pecile e Domenico Pecile e la loro opera a San Giorgio, ha permesso di far emergere una importante pagina di storia del nostro territorio tra fine Ottocento e primo Novecento.
Gli Atti raccolgono la relazione del Dott. Elia Tomai, Direttore del Museo della Vita Contadina Cjase Cocel di Fagagna, che ha delineato la figura di Gabriele Luigi Pecile come proprietario terriero, con una spiccata sensibilità ai temi della modernizzazione agricola, una delle più importanti figure del Friuli ottocentesco, la relazione del Prof. Enos Costantini, agronomo e studioso di storia della viticoltura in Friuli, che ha presentato l’opera di Gabriele Luigi Pecile come innovatore nel settore della viticoltura che ha posto le basi per la moderna viticoltura, un secolo in anticipo, e quella del Dott. Mario Salvalaggio, cultore di storia locale che ha presentato la figura di Domenico Pecile. Quest’ultimo, continuando l’opera del padre iniziata nel 1851, fece di San Giorgio la sua residenza abituale dal 1878 e si dedicò all’amministrazione della proprietà, sperimentando sul campo i risultati dei suoi studi scientifici e trasformando la tenuta in una azienda modello. Molteplici furono le iniziative socio-economiche da lui avviate, che il relatore ha illustrato, tra cui la fondazione della Cassa Rurale ed Artigiana, sviluppatasi nell’attuale Friulovest Banca, e molte altre forme di cooperazione, quali il Circolo agrario e iniziative di promozione sociale che hanno dato un notevole impulso al progresso civile dell’intera comunità.
L’opera dei Pecile fu di fondamentale importanza per il rinnovamento dell’agricoltura e lo sviluppo socio-economico del nostro territorio e del Friuli e, come emerge dagli Atti, il convegno ha voluto essere una testimonianza del contributo così importante da loro dato alla nostra comunità.

Al seguente link  http://bit.ly/AttiConvegnoPecile è possibile sfogliare e leggere gli atti del convegno
Torna ai contenuti | Torna al menu